domenica 22 novembre 2009

Questione di tatto

Quante regole io volli infrangere,
altrettante ho infranto.
Quante lacrime dovetti piangere,
pur riluttante ho pianto.
Quante volte ti desiderai tangere,
ma non t'ho mai proprio
davvero
tanto.3

How many rules I dared to break,
as many I broke.
How many tears I had to cry,
despite my pride I cried.
How many times I wished to touch you,
but I never
really
much.3

Nessun commento:

Per i curiosi dei casi di costui

Non è mai stato all'ikea
Sa di aver troppi princìpi, pochi mezzi, e nessun fine. Ha sempre la risposta pronta (in una settimana, massimo dieci giorni). Non farebbe del male a una mosca, ma non le farebbe nemmeno del bene: è un convinto assertore dell'autosufficienza delle mosche. Ha un'ottima salute, ma non ne gode. In genere generoso, è ragionevole ma pure cagionevole: quando non è ammalato, è ammaliato. Da altri definito: insostenibile, pigerrimo, hopeless wannabe, pesante anche senz'adipe; ci tiene a far sapere che in realtà d'egli si può dir tutto, ma non che sia basso.